2011 Premio UNICEf Italia “Associazione dalla parte dei bambini”

Centro privato di mediazione familiare GeA

L’attività dell’Associazione GeA rivolta direttamente alla cittadinanza si struttura in percorsi di:

  • mediazione familiare per la coppia di genitori in separazione, volta a migliorare la comunicazione e a trovare accordi su tutti quegli aspetti inerenti la nuova organizzazione familiare;
  • sostegno genitoriale per il singolo genitore in separazione che vuole riflettere sul proprio ruolo in relazione ai figli e all’altro genitore;
  • gruppi per genitori separati rivolti al singolo genitore che desidera un confronto e un aiuto da persone con cui condivide l’esperienza della separazione;
  • sportello informativo per i genitori sui centri di mediazione familiare che hanno al loro interno mediatori di formazione GeA in Italia e, più in generale, sui servizi di sostegno alla famiglia in difficoltà.

L’Associazione GeA mette a disposizione dei genitori che hanno già svolto almeno un primo incontro orientativo presso il proprio Centro, un colloquio gratuito con un consulente legale per fornire le prime informazioni sul tema della separazione e del divorzio

Poiché l’Associazione GeA è anche scuola di formazione, ai colloqui potrà presenziare un tirocinante della scuola che avrà il solo scopo di osservare in silenzio il lavoro svolto dal mediatore familiare.

Gli orari di appuntamento sono dalle 9 alle 18 dal lunedì al venerdì, compresa la pausa pranzo.

Per accedere alle attività e ai servizi offerti dal Centro di Mediazione ci si deve associare come Genitori Amici dell’Associazione GeA Genitori Ancóra.

Nota bene: l’ Associazione GeA – Genitori Ancóra e il Centro Gea Irene Bernardini del Comune di Milano sono due entità distinte e autonome.

Per informazioni inviare una email all’indirizzo [email protected] o telefonare dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 allo 0229004757

Materiali utili

Segnalazioni bibliografiche

  • Giuseppe Maiolo e Giuliana Franchini, L’arte di negoziare con i figli. Dal genitore “bancomat” al genitore competente, Trento, Erickson, I ristampa 2016